Bernardo Nardi

Bernardo Nardi

Professore aggregato nel settore disciplinare Med25 di Psichiatria, Psicologia Clinica e Psicoterapia in corsi di I, II e III livello ed ha tenuto la prolusione su Luigi Luciani in occasione dell’intitolazione al grande fisiologo ascolano dell'Aula Magna del Polo Eustachio della Facoltà di Medicina e Chirurgia.
È Responsabile del "Centro Adolescenti per la Promozione dell’Agio Giovanile" di Ancona (con ambulatori a Torrette, Ancona CRASS, Falconara Marittima e Castelfidardo), istituzionalizzato nel 1997 con delibera 1095 della Regione Marche che ha recepito il Progetto Obiettivo Nazionale sulla Salute Psichica.
È Direttore della Clinica di Psichiatria dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria "Ospedali Riuniti di Ancona" (dal 1.08.2014) di cui è dirigente medico (dal 1992) con "incarico professionale di alta specializzazione" (IPAS) per la psicopatologia adolescenziale e responsabile del Laboratorio di Psicofisiologia ed Elettroencefalografia Computerizzata.
Come psicoterapeuta, è stato allievo di Vittorio F. Guidano presso l’Istituto di Psicoterapia Cognitiva Post-Razionalista di Roma. Dopo la scomparsa di Guidano, ha organizzato nel Maggio 2000 presso la Facoltà di Medicina di Ancona un Convegno Nazionale per ricordarne la figura e l’opera. È didatta di Psicoterapia Cognitiva Post-Razionalista in Scuole italiane ed estere. Nell’ambito del Cognitivismo Costruttivista e Post-Razionalista, ha sviluppato una innovativa lettura dei processi adattivi che portano alla costruzione in ciascun individuo di una specifica organizzazione di significato personale. Questo modello è stato esposto in numerose pubblicazioni in lingua italiana, inglese e spagnola, nonché in comunicazioni a congressi e corsi di formazione, sia in Italia che all’estero.
Dal 1999 organizza, in collaborazione con Mario A. Reda dell’Università di Siena, convegni annuali nazionali di Psicologia e Psicopatologia Post-Razionalista, con relativa pubblicazione degli Atti.
È fondatore e Presidente della Accademia dei Cognitivi della Marca.
È socio della Accademia di Scienze Cognitive (ASCo) e membro del Comitato Scientifico del Centro Studi "Carlo Perris" di Milano.
È stato, su invito, presso le Università di Davis (California, USA), Columbia (Buffalo e New York, USA), Pontificia Universidad Catolica PUCV (Valparaiso, Cile) per scambi scientifici di ricerca e per tenere conferenze, seminari e corsi di formazione. È stato inoltre promotore dell’accordo di collaborazione tra l’Università Politecnica delle Marche e la PUCV di Valparaiso.
Tra le esperienze lavorative pregresse, ha conseguito l’abilitazione in Neurologia nel Tirocinio Pratico Ospedaliero svolto presso l’Ospedale "Mazzoni" di Ascoli Piceno (1.09.1979-8.03.1980) con la valutazione di "Ottimo" e la seguente motivazione: "preparazione di base di alto livello con spiccato interesse ed attitudine per la specialità neurologica. Ha dimostrato diligenza e passione nello svolgere i compiti assegnati in reparto, completando il suo ottimo bagaglio culturale e tecnico".
È stato medico titolare del Servizio di Guardia Medica festiva e notturna della USL di Ascoli Piceno (1.07.1981-31.12.1986).
È stato Tecnico Laureato dell’Università Politecnica delle Marche (allora Università di Ancona) dal 18.03.1986 al 29.04.1992, quando è diventato Ricercatore Universitario.
È stato Giudice Onorario del Tribunale per i Minorenni delle Marche (1993-2001) e Consigliere Onorario della Sezione Minorile della Corte di Appello di Ancona (2002-2007).
Dal 1988 al 1997 è stato tra i promotori del primo Centro di Adolescentologia di Ancona, dedicandosi in qualità di vice Direttore alla psicopatologia dell'adolescenza, esperienza poi proseguita nel Sistema Sanitario Nazionale con il "Centro Adolescenti per la Promozione dell'Agio Giovanile", da lui fondato e diretto.
È stato Responsabile del Servizio di Psichiatria e Psicologia Clinica dell’Istituto di Riabilitazione "S. Stefano" di Porto Potenza Picena (1989-1992), occupandosi di progetti psicoriabilitativi e di reinserimento sociale, anche mediante art-therapy, mettendo a punto un protocollo di valutazione etologica dei comportamenti non verbali per verificare i risultati conseguiti.
È stato Coordinatore Scientifico del progetto transnazionale finanziato dall’Unione Europea "Health 25" (1.02.2011-31.01.2014) destinato ai giovani svantaggiati che non studiano e non lavorano (NEET: "Not in Education, Employment or Training"), del quale il Centro Adolescenti è stato l’unico partner italiano.
È autore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche, tra le quali i volumi "Processi Psichici e Psicopatologia nell'Approccio Cognitivo" (2001), "CostruirSi. Sviluppo e Adattamento del Sé nella Normalità e nella Patologia" (2007), "La Coscienza di Sé. Origine del Significato Personale" (2013) pubblicati dalla Casa Editrice Franco Angeli di Milano e il volume "Reconstruir la Experiencia en las Organizaciones Inward y Outward" (2016) pubblicato dalle Ediciones Universitarias de Valparaiso (Cile).
È inoltre autore del capitolo sulla depressione adolescenziale del Manuale di "Psicoterapia Cognitiva dell’Età Evolutiva" a cura di F. Lambruschi (Bollati Boringhieri, Torino, 2004) e delle voci "Modello cognitivo post-razionalista evolutivo" e "visione negativa" del "Dizionario Internazionale di Psicoterapia" a cura di Giorgio Nardone e Alessandro Salvini (Garzanti, Milano). È coautore con C. Bellantuono, G. Mircoli e G. Santone del "Manuale Essenziale di Psichiatria" (Il Pensiero Scientifico, Roma, 2009), con G.F. Marchesi del capitolo sulla fisiologia e fisiopatologia del sonno del Trattato sulle "Malattie del Sistema Nervoso" a cura di G. Macchi, D. Minciacchi, G. Gainotti (Piccin, Padova, 2006), con G. F. Marchesi del Capitolo sulle indagini neuro fisiopatologiche e con G.F. Marchesi e G. Santone del capitolo sulle sindromi psiconeurologiche della I Edizione del Trattato Italiano di Psichiatria a cura di P. Pancheri e G.B. Cassano (Masson, Milano, 1993), con G.F. Marchesi e G. Rocchetti del capitolo sull'inquadramento psicopatologico dei disturbi mentali, con G.F. Marchesi e G. Borsetti dei capitoli sulla schizofrenia sulle psicosi deliranti croniche e sulle oligofrenie, con G.F. Marchesi e M. Pettinelli del capitolo sui disturbi mentali organici della Guida alla Neurologia Clinica a cura di F. Angeleri, E. Ferrari, A. Muratorio (Monduzzi, Bologna, 1986).
Numerosi suoi lavori scientifici (relativi alla psicoterapia post-razionalista, alla psicopatologia adolescenziale al neuroimaging funzionale, alla risposta neuroendocrina allo stress psico-sociale ed ai rapporti tra polimorfismi genici ed i processi di attaccamento che portano allo sviluppo delle organizzazioni di significato personale) sono presenti in riviste, volumi ed atti di congressi internazionali e nazionali. Sugli argomenti di cui si occupa è stato ospite di programmi radiofonici e televisivi.
È membro del Comitato scientifico delle riviste "European Psychotherapy" (CIP Medien, Monaco di Baviera, Germania) e "Psicoperspectivas" (PUCV, Valparaiso, Cile).
Per quanto riguarda le sue competenze umanistiche, è autore di due raccolte di poesie: "Fragmenta" (1969) e "Commedia" (1973) e del volume, scritto con Lucia Pellei, "Ascoli Dimenticata: San Salvatore di Sotto" (La Rapida, Fermo, 1976). Studioso di etno-antropologia, con particolare interesse per i giochi storici, è stato il fondatore e il primo Presidente del "Centro Studi sui Giochi Storici" di Ascoli Piceno (1986) ed ha pubblicato numerosi volumi, saggi e articoli, organizzando o partecipando a convegni e trasmissioni televisive.

bernardonardi@alice.it

Novedades

11.4.18 - Fallecimiento Giovanni Liotti

Hoy es un día triste para la comunidad terapéutica. Nos ha dejado Giovanni Liotti, considerado uno de los padres del cognitivismo italiano. Junto a Vittorio Guidano fundó la escuela de psicoterapia cognitiva de Roma y publicó "Cognitive processes and emotional disorders", considerado en 1983 el mejor libro de psicoterapia publicado en el mundo, y hasta hoy referencia académica indispensable en los mejores trabajos de investigación. Gracias Giovanni Liotti! Nos dejas un legado importante que no abandonaremos, siguiendo tu ejemplo, estudiaremos con seriedad y rigor científico la subjetividad humana, para aliviar con eficacia el sufrimiento psíquico de las personas que nos consultan. Descansa en paz!

Ver Más Novedades